A SPASSO IN LIBRERIA

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

03

Perché i libri non vanno in saldo? 
Perché alcuni libri son bellissimi ma non si trovano nelle librerie? 
Come si trova un libro all’interno di uno scaffale? 
Perché i libri costano sempre troppo? 
Chi decide quali libri vanno in classifica? 
Perché se chiamo commesso un libraio alle volte s’offende? 
Che senso ha comprare i libri in libreria visto che ordinandoli online li consegnano a casa?
Si vendono più libri cartacei o ebook? E perché?

A queste domande (e tante altre ancora) risponderà il laboratorio “A spasso in libreria“, mini corso di formazione per comprendere la vita dei libri e avvicinarsi al mestiere di libraio, organizzato da Skribi (Servizi per l’editoria) in collaborazione con la libreria Zaum.


Quando? Martedì 15 marzo alle 18.00 (circa). Il mini corso avrà la durata di 6 ore:
- tre ore (circa) di lezione nella sede di Zaum (per iniziare a conoscere i segreti del mestiere);
- tre ore (circa) di “passeggiata in libreria” presso la libreria Feltrinelli di Bari per vedere praticamente cosa avviene in una grande libreria di catena (la data sarà concordata coi partecipanti).

Quanto costa? Il costo per partecipare al laboratorio è di 30 euro. Tutti coloro che si prenotano entro il 15 febbraio pagheranno 20 euro invece che 30.

Per info: libreria.zaum@gmail.com

La docente del corso è Elena Manzari, libraia da quasi sempre.  Ha iniziato il suo percorso in Feltrinelli a Bari nel lontano 2001, quando non esisteva ancora il mega store ma la piccola libreria in via Dante. Dopo qualche anno, decide di lasciare il posto fisso e aprire Libriema, la sua libreria indipendente che vende dopo poco per approdare in Melbookstore prima e Ibs poi a Roma. Qui ha la fortuna di frequentare i corsi di formazione tenuti dall’agenzia editoriale Oblique ma, non ancora stanca, dopo 8 anni decide di ritornare a Bari prestando servizio in Zaum. Ufficio stampa CaratteriMobili edizioni per 4 anni, da qualche tempo si occupa di consulenze editoriali quando suo figlio Leonardo lo permette.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Add a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *